P101_Garziera_1

Gastone Garziera spiega il funzionamento della Programma 101

Gastone Garziera è nato a Vicenza nel 1942. E’ ingegnere e informatico italiano. Insieme agli ingegneri Pier Giorgio Perotto e Giovanni De Sandre ha realizzato nel 1964 la “Programma 101” o “P101” dell’Olivetti, il primo personal computer della storia, cioè il primo calcolatore commerciale ad essere digitale, programmabile, piccolo ed economico. I registri della P101…

image

Profilo di Laura figlia di Adriano Olivetti

IVREA. Laura Olivetti, 64 anni, figlia di Adriano Olivetti. Presidente dal 1997 della Fondazione Adriano Olivetti. Una vita trascorsa tra Ivrea e Roma, è madre di tre figli. Laureata con lode in Lettere e Filosofia all’Università di Roma La Sapienza, ha iniziato subito a collaborare con la Cattedra di Igiene mentale della Facoltà di Medicina…

Photo-0203

Il sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano visita il Museo

Il sottosegretario alla difesa Gioacchino Alfano  incontra gli insigniti della stella al merito del Centro studi ed alta formazione Maestri del lavoro d’Italia. L’occasione è stata la visita fuori programma al Museo dinamico della tecnologia Adriano Olivetti sito  nella sede del polo culturale della  provincia di Caserta.  A guidare il gradito visitatore  tra le apparecchiature…

LUI_5551web

Il Senato della Repubblica regala una preziosa macchina stenografica al Museo

Il museo dinamico della tecnologia Adriano Olivetti si arricchisce  di due preziosi reperti:  una rara macchina da scrivere portatile del 1905  Smith premier prodotta dall’omonima industria sita a Boston ed un altrettanta pregevole macchina stenografica  utilizzata fin dal nascere dello stato unitario dal Senato della Repubblica. Se la macchina da scrivere  è stata frutto di…

Adriano-Olivetti-1954

Ricordo di Adriano Olivetti a 55 anni dalla scomparsa

Geno Pampaloni, con l’avvento di De Benedetti nella Olivetti, in un articolo apparso su Il Giornale del 31 maggio 1978 dal titolo “La saga degli Olivetti” scriveva: “è il fallimento di un tentativo orgoglioso di porsi come modello alternativo nel mondo industriale (il modello di una società fondata non soltanto sull’etica del profitto), gli Olivetti rimangono un esempio (da rimpiangere) da un lato della indipendenza dal sottogoverno, dallo statalismo parassitario, dalla sottomissione pavida e furbesca alla classe politica (i mali che stanno uccidendo la nostra economia e la nostra libertà); dall’altro lato di una visione lungimirante, non difensiva, del ruolo dell’industria nella società”.

Stage al Muditec di una studente Luiss

Sono arrivata  al Museo Dinamico della Tecnologia Adriano Olivetti Gestito dal CeSAF Maestri del lavoro d’Italia  in quanto laureanda per concludere il mio percorso di studi necessitavo di 4 crediti formativi, che avevo deciso di  raggiungere svolgendo un tirocinio. Sono  Giuseppina Zarigno, ho ventidue anni e sono originaria di Marcianise, in provincia di Caserta. Studentessa…