Olivetti: una storia breve

Let­tu­ra bra­no ini­zia­le (p. 15) Leg­ge Maria Tere­sa Ver­na­leo­ne “A ogni bat­ti­to d’ali pri­ma­ve­ri­le, a ogni stor­mir di fron­de autun­na­li, unal­tro dei gran­di pro­ta­go­ni­sti di que­sta sto­ria rag­giun­ge Camil­lo e Adria­no nell’empireo dei sogni. Pri­ma, Dome­ni­co Seme­ra­ro, poi Fran­ce­sco Nova­ra, segui­to da Ren­zo Zor­zi, e poi anco­ra Mario Caglie­ris, Otto­ri­no Bel­tra­mi, Cor­ne­lia Lom­bar­do, Lucia­no Gal­li­no e poi,…

Indro Montanelli e le sue macchine da scrivere Olivetti

Indro Mon­ta­nel­li è sta­to il più gran­de gior­na­li­sta ita­lia­no del Nove­cen­to. È sta­to anche sag­gi­sta e com­me­dio­gra­fo. Ha scrit­to miglia­ia di arti­co­li e una cin­quan­ti­na di libri, tra cui nume­ro­si libri di sto­ria usan­do qua­si uni­ca­men­te la sua inse­pa­ra­bi­le Oli­vet­ti Let­te­ra 22 ver­de e altre mac­chi­ne Oli­vet­ti. Negli ulti­mi anni usa­va una Oli­vet­ti Let­te­ra 32…

Adriano Olivetti: una visione di armonia politico-sociale

Uma­ni­tà del 2013. Pove­ra, sola e vio­len­ta. La cri­si ha col­pi­to duro, l’egoismo meto­do­lo­gi­co del­le ban­che inca­te­na e il pros­si­mo, fisi­ca­men­te vici­no, trop­po vici­no, diven­ta un mirag­gio o un peri­co­lo che atten­ta a un solip­si­smo pato­lo­gi­co e auti­sti­co. Cosa rima­ne? Trin­ce­rar­si nel bun­ker di un indi­vi­dua­li­smo debo­le, con­se­gnar­si alle logi­che dell’homo oeco­no­mi­cus o tra­scen­de­re la vita…

Giovanni Pascoli e la sua curiosa Macchina da scrivere

Il 6 apri­le 1912 mori­va a Bolo­gna Gio­van­ni Pasco­li, figu­ra emble­ma­ti­ca del­la let­te­ra­tu­ra ita­lia­na di fine Otto­cen­to, con­si­de­ra­to, insie­me a Gabrie­le D’An­nun­zio, il mag­gior poe­ta deca­den­te ita­lia­no. Nel 1867 accad­de l’episodio che segnò pro­fon­da­men­te la sen­si­bi­li­tà del poe­ta: l’assassinio del padre da par­te di igno­ti, men­tre ritor­na­va a casa. Que­sto avve­ni­men­to inter­rom­pe un perio­do di…

La prima portatile Olivetti

    Accad­de i nel mon­do del­le mac­chi­ne per scri­ve­re Nac­que il 4 apri­le 1914 a Sai­gon, Mar­gue­ri­te Duras, pseu­do­ni­mo di Mar­gue­ri­te Ger­mai­ne Marie Don­na­dieu, scrit­tri­ce, regi­sta e sce­neg­gia­tri­ce fran­ce­se. La Duras ha inven­ta­to una scrit­tu­ra par­ti­co­la­ris­si­ma, pie­na di silen­zi e di riso­nan­ze inte­rio­ri. Le sue ope­re sono nel­lo stes­so tem­po rac­con­ti, poe­mi in prosa…

Ada Merini e la sua macchina da scrivere

Accad­de oggi nel mon­do del­le mac­chi­ne per scri­ve­re   21 Mar­zo Gior­na­ta Mon­dia­le del­la Poe­sia e ricor­ren­za del com­plean­no di Alda Meri­ni Sono nata il ven­tu­no a pri­ma­ve­ra ma non sape­vo che nasce­re fol­le, apri­re le zol­le potes­se sca­te­nar tem­pe­sta. Così Pro­ser­pi­na lie­ve vede pio­ve­re sul­le erbe, sui gros­si fru­men­ti gen­ti­li e pian­ge sem­pre la sera. For­se è la sua preghiera.…

MIO PADRE ADRIANO OLIVETTI.

DAL LIBRO TESTIMONIANZE DI UN SOGNO EX DIPENDENTI OLIVETTI .… di Lau­ra Oli­vet­ti    I miei pri­mi ricor­di sono lega­ti più a sen­sa­zio­ni che a fat­ti, sono più emo­ti­vi che obiet­ti­vi. Per me bam­bi­na che vive­va ad Ivrea negli anni 50, la Oli­vet­ti era «Dit­ta» ed in «Dit­ta» lavo­ra­va mio padre Adria­no che era l’In­ge­gne­re.…

Camillo Olivetti: Industriale e politico.

Nel 1960 mori­va Adria­no Oli­vet­ti. La sua azien­da era la più pre­sti­gio­sa azien­da ita­lia­na nel mon­do. La Oli­vet­ti era sta­ta fon­da­ta dal Padre Camil­lo, cin­quan­t’ot­to anni pri­ma, nel 1908. Sono anni che si disqui­si­sce sul­la figu­ra di Adria­no, pochi si sono occu­pa­ti del fon­da­to­re di cui si è per­so il ricor­do per­si­no a Ivrea. Eppu­re, senza…

Credere negli uomini per essere testimoni di un “sogno”

Testi­mo­nian­ze di un Sogno — Testo di Davi­de Bom­bi­no prof. al liceo Gram­sci di Ivrea.….Credere nel­l’uo­mo per esse­re testi­mo­ni di un “Sogno”. “Stra­no scher­zo del desti­no vede­re oggi il futu­ro che vor­rem­mo intrap­po­la­to nei luo­ghi del­la fab­bri­ca Oli­vet­ti di ieri.” Cosa suc­ce­de quan­do uno di noi cre­de che l’uomo sia nato per ave­re rela­zio­ni, per essere…

Testimonianza: Sogno e delusione di un allenatore

 dal libro Testi­mo­nian­ze di un Sogno ex dipen­den­ti Oli­vet­ti. Testi­mo­nian­za di Vit­to­ri­no Del­la­ro­le La mia sto­ria in Oli­vet­ti ini­zia nel Gen­na­io 1969, Adria­no era scom­par­so già da alcu­ni anni ma in azien­da aleg­gia­va anco­ra il suo pen­sie­ro. Ven­ni con­vo­ca­to con una tele­fo­na­ta a pre­sen­tar­mi alle 7 di sera nel­la vil­let­ta di via G. Jer­vis per…

Dopo Adriano Olivetti il potere al primo posto

  di Gian­ni Di Quat­tro  I pri­mi momen­ti. Dopo la mor­te di Adria­no (feb­bra­io 1960) il pote­re fu dato dal con­si­glio di ammi­ni­stra­zio­ne, nel qua­le sede­va tut­ta la fami­glia Oli­vet­ti (fra­tel­lo, sorel­le e cogna­ti), a Giu­sep­pe Pero, vec­chio col­la­bo­ra­to­re di Camil­lo pri­ma e di Adria­no poi, uomo di fidu­cia. Evi­den­te­men­te si trat­tò di una transizione,…